Qual è il miglior monitor per l'ufficio a casa?

L'acquisto di un monitor per l'home office è un atto di bilanciamento. Deve essere abbastanza grande per fare il tuo lavoro, ma non così grande da occupare tutto il tuo spazio di lavoro. Il display deve avere un'alta risoluzione e una connettività video dati veloce, ma la maggior parte degli utenti home office non ha bisogno della più alta o più veloce. E il prezzo deve essere giusto - abbastanza per equipaggiare il monitor con le caratteristiche di cui hai bisogno ma senza rompere il budget.

Lenovo offre una suite completa di monitor per home office. Ma prima, ecco una rapida introduzione ai termini che devi conoscere e alcune opzioni da considerare quando acquisti un nuovo monitor per l'home office.

Monitorare la terminologia e gli standard

Prima di fare acquisti, gli acquirenti di monitor per l'home office dovrebbero conoscere gli standard di dimensioni odierni e alcuni termini tecnici comuni.

Dimensione dello schermo: Come i televisori, i monitor dei computer si misurano in diagonale. E anche come le TV, stanno diventando più grandi. Con gli attuali schermi piatti retroilluminati a LED, un monitor fino a 19 pollici è ora classificato come "piccolo", con modelli di dimensioni "medie" che arrivano a 20-24 pollici. I monitor non sono tipicamente considerati "grandi" finché non raggiungono i 25 pollici o più.

Dimensione dello schermo: Come i televisori, i monitor dei computer si misurano in diagonale. E anche come le TV, stanno diventando più grandi. Con gli attuali schermi piatti retroilluminati a LED, un monitor fino a 19 pollici è ora classificato come "piccolo", con modelli di dimensioni "medie" che arrivano a 20-24 pollici. I monitor non sono tipicamente considerati "grandi" finché non raggiungono i 25 pollici o più.

Tipo di display: I monitor per l'home office sono in genere dotati di uno dei tre tipi di tecnologia di visualizzazione:

  • LCD (display a cristalli liquidi): I monitor con display LCD sono spesso i più economici ma offrono comunque una facile visualizzazione. Le immagini sono prodotte dalla luce proveniente dal retro del monitor che viene spinta attraverso un pannello a cristalli liquidi che colora.
  • LED (Light Emitting Diode): I monitor con display a LED usano piccoli e luminosi LED come fonte di illuminazione, quindi possono essere più sottili dei tradizionali LCD e usare meno elettricità. I modelli commerciali a LED sono quasi sempre "retroilluminati a LED" e spingono ancora la luce attraverso un pannello LCD (tipicamente un cosiddetto TFT), mentre alcuni modelli più avanzati (quelli OLED, per esempio) usano le luci dei LED più direttamente.
  • IPS (In-Plane Switching): I display IPS sono ancora retroilluminati a LED (tipicamente) ma usano una tecnologia più recente del pannello che permette tempi di risposta più veloci, angoli di visione più ampi e altri miglioramenti.

Risoluzione: La risoluzione descrive il numero di elementi discreti dell'immagine o pixel che lo schermo può visualizzare. Quindi, la chiave è comprare un monitor capace di presentare la risoluzione video che ti aspetti di visualizzare.

I monitor di fascia bassa offrono una risoluzione di 720p (chiamati regular HD) mentre i modelli consumer più comuni offrono 1080p (chiamati Full HD o FHD). I monitor di fascia alta sono disponibili in Quad HD o QHD (con quattro volte i pixel del normale HD) e Ultra HD o UHD (quattro volte i pixel del Full HD). Uno standard separato, il 4K, è più o meno equivalente all'UHD, ma utilizza un rapporto d'aspetto diverso progettato per la visualizzazione cinematografica.

Per saperne di più sulle risoluzioni dei monitor, vedi Cos'è un monitor Full HD?

Tempo di risposta e frequenza di aggiornamento: Il tempo di risposta e la frequenza di aggiornamento aiutano a determinare la fluidità di visualizzazione delle immagini in movimento:

  • Il tempo di risposta, misurato in millisecondi, indica la velocità con cui il display può passare da un'immagine fissa alla successiva. I tempi di risposta ottimali sono 8ms o meno, con un numero crescente di monitor che offrono 4ms o meno.
  • La frequenza di aggiornamento, espressa in hertz, indica quanto velocemente il display può cambiare i colori in un dato pixel. Le frequenze di aggiornamento minime sono tipicamente 60GHz, i monitor migliori offrono 120Hz e alcuni monitor progettati per il gioco al computer e altre esigenze di movimento intensivo vanno ancora più in alto.

Contrasto e luminosità: Proprio come sul tuo televisore, il contrasto del monitor è un rapporto usato per esprimere la differenza tra le parti più chiare (bianco puro) e più scure (nero puro) del display. I tipici monitor per computer offrono rapporti di contrasto di circa 1000:1. La luminosità del monitor indica il livello di luce visibile che produce e, quindi, la facilità di visualizzazione in uffici ben illuminati. Come per il contrasto, i numeri di luminosità più alti sono migliori, con un tipico monitor da ufficio domestico che genera 250 cd/m2 (per i non ingegneri, sono candele per metro quadro).

Tipi di connessione: I monitor di oggi offrono tipicamente una combinazione di cinque tipi di connettori popolari (vedi tabella).

VGA A lungo conosciuti per la loro spina blu a 15 pin, i connettori VGA sono sempre più rari ma a volte ancora offerti per la connessione a display analogici.
DVI-D Con una spina simile alla VGA ma con 24 pin, DVI-D (e i suoi fratelli, DVI-A e DVI-I) è una tecnologia di interfaccia digitale capace di trasmettere video ma non (tipicamente) audio.
DisplayPort (DP) Creata per soppiantare la VGA, DisplayPort è un tipo di connettore per soli computer che può trasmettere segnali audio e video digitali e, in questo momento, trasmette video Ultra HD/4K a un tasso di frame-per-secondo più alto dei più comuni connettori HDMI.
HDMI Come DisplayPort, HDMI può trasmettere segnali audio e video digitali, ma la sua ubiquità (è usata anche per televisori e altri dispositivi) l'ha aiutata a diventare il tipo di connessione per monitor più comune oggi. Quando questa FAQ è stata scritta, la maggior parte dei monitor usava HDMI 1.4, ma i modelli compatibili con HDMI 2.0+ (con tassi di frame-per-secondo più alti) stavano diventando sempre più popolari per Ultra HD/4K.
USB Tipo-C (USB-C) I monitor di punta sono sempre più offerti con connessioni USB-C bidirezionali. Un solo connettore USB-C può inviare video ad alta risoluzione a un monitor, fornire alimentazione al monitor (o, inversamente, riceverla (ideale per caricare i computer portatili), e trasmettere altri dati a o da periferiche collegate a porte aggiuntive sul monitor, che diventa effettivamente un hub multidispositivo.

Caratteristiche e opzioni del monitor

Dopo aver compreso i termini tecnici, dovrai considerare alcune delle caratteristiche che vorrai nel tuo monitor. Mentre i display al plasma sono una cosa del passato e gli schermi 3D non sono mai decollati negli ambienti d'ufficio, i produttori continuano a creare nuove, allettanti opzioni di monitor.

  • Schermi tattili: A seconda della configurazione fisica della tua scrivania e del tuo spazio di lavoro, potresti volere un modello touch screen che ti permetta di sfruttare appieno tutte le caratteristiche sensibili al tocco che sono integrate in Microsoft Windows 10 e in altri nuovi sistemi operativi.
  • Senza bordi: Se userete due monitor contemporaneamente, prendete in considerazione i modelli chiamati "borderless" o "edgeless" che hanno solo una sottile cornice di plastica intorno a tre lati dello schermo, fornendo una visione multi-display quasi ininterrotta del vostro lavoro.
  • Supporti ergonomici: Gli acquirenti - specialmente quelli che passano lunghi periodi di lavoro davanti ai loro schermi - dovrebbero dare un forte peso alle caratteristiche ergonomiche di un nuovo monitor. La risoluzione e la visibilità non sono meno importanti della regolabilità fisica per l'altezza (più alto/basso), l'inclinazione (avanti/indietro), la rotazione (destra/sinistra) e il perno (orizzontale/verticale).
  • Comfort visivo: I monitor che guadagnano la certificazione TUV Eye Comfort sono confermati per ridurre al minimo la luce blu e lo sfarfallio - e per avere il tipo di ampi angoli di visualizzazione e regolabilità ergonomica che permettono agli utenti di regolare le loro posizioni fisiche per ridurre i riflessi e il bagliore.
  • Porte USB e docking: Molti produttori stanno aiutando a tagliare il disordine del desktop offrendo hub USB integrati che trasformano efficacemente un monitor in una docking station. Questi modelli spesso usano connettori USB di tipo C a due vie per trasmettere video, dati e alimentazione su un unico cavo.
  • Telecamere, microfoni e altoparlanti: Con le videoconferenze così popolari oggi, la domanda sta aumentando per i cosiddetti monitor VOIP dotati di telecamere Full HD, microfoni dual-array e altoparlanti stereo. Una buona telecamera per monitor, in particolare, può essere essenziale per programmi di riconoscimento facciale come Windows Hello, e con tutto incorporato nel corpo del monitor, ci possono essere meno fili e cavi da infilare sulla scrivania.

Hai altre domande? Il nostro team Small Business è qui per aiutarti. Parla con un esperto di soluzioni aziendali LenovoPro al numero 1-866-426-0911.

Acquista i prodotti correlati