Home   >  Lenovo in Italia   >  Responsabilità sociale   >  Ambiente   > 

Salvaguardia dell'ambiente - Lotta ai cambiamenti climatici

 
 Politica sui cambiamenti climatici  Strategia relativa ai cambiamenti climatici  Obiettivi e intenti per il cambiamento climatico
Calcolo delle emissioni di gas serra  Operazioni Lenovo  Energie rinnovabili
 Prodotti ad alta efficienza energetica e calcolo dell'efficienza energetica  Supply chain  Iniziative esterne

Lenovo è impegnata a ridurre progressivamente le emissioni di CO2 in tutte le fasi della propria attività, come dimostrato dell'elaborazione della Politica sui cambiamenti climatici Lenovo, dalla definizione di obiettivi per il cambiamento climatico molto ambiziosi e dall'attuazione di una strategia di lotta ai cambiamenti climatici a lungo termine. Le attività e le iniziative per fronteggiare i cambiamenti climatici vengono intraprese nell'ambito del sistema di gestione ambientale messo a punto da Lenovo a livello globale.

 


Politica sui cambiamenti climatici

La politica sui cambiamenti climatici Lenovo è stata sottoscritta da Yuanqing Yang, Presidente e CEO della società, il 6 agosto 2010 e si applica a tutte le operazioni e le attività Lenovo.

 

Fare clic qui per ulteriori informazioni sulla politica sui cambiamenti climatici di Lenovo.

 


Strategia relativa ai cambiamenti climatici

La strategia Lenovo relativa ai cambiamenti climatici si concentra essenzialmente su cinque aree di influenza. Lenovo collabora con i propri partner in ciascuna di queste aree per favorire la riduzione delle emissioni di gas serra a livello locale, nazionale e mondiale.

 

Le cinque aree di influenza comprendono:

  • •  Le attività interne Lenovo e le emissioni dirette dai propri stabilimenti (emissioni Scope 1),
  • •  I fornitori di energia elettrica e le rispettive emissioni operative riconducibili alle attività Lenovo (emissioni Scope 2),
  • •  La supply chain Lenovo e le emissioni conseguenti alla produzione e alla consegna di beni e servizi a Lenovo (emissioni a monte, Scope 3),
  • •  I clienti Lenovo e le emissioni associate alle loro operazioni di acquisto, utilizzo e dismissione di prodotti Lenovo (emissioni a valle, Scope 3),
  • •  Azioni pubbliche, intraprese da enti statali o non governativi, volte a favorire la transizione verso un'economia a basso tenore di carbonio.

 

Per maggiori informazioni sulla strategia Lenovo relativa ai cambiamenti climatici, consultare il White Paper Addressing Climate Change at Lenovo.

 


Obiettivi e intenti per il cambiamento climatico

Conformemente ai requisiti del sistema di gestione ambientale Lenovo, il consumo energetico, le conseguenti emissioni di gas serra e l'impatto che ne deriva sui cambiamenti climatici sono stati identificati come aspetti di significativa rilevanza ambientale per la società. Per affrontare questi aspetti, Lenovo ha definito una serie di obiettivi a breve e lungo termine validi a tutti i livelli della propria attività.  I piani per la riduzione di energia ed emissioni definiti a supporto di questi obiettivi vengono aggiornati a cadenza annuale. La gerarchia di progetti relativi ad energia ed emissioni utilizzata da Lenovo per definire questi piani favorisce in primo luogo l'efficienza energetica, quindi l'uso di energie rinnovabili e infine l'acquisto di crediti di energia rinnovabile o di compensazione di anidride carbonica.

 

Negli ultimi cinque anni sono stati attuati oltre 70 progetti di efficienza energetica ed energia rinnovabile. L'acquisto di crediti di energia rinnovabile e di compensazione di anidride carbonica è stato utilizzato per completare il percorso intrapreso da Lenovo in questa direzione e garantire il raggiungimento degli obiettivi di riduzione. I traguardi ottenuti fino ad oggi sono esclusivamente il frutto del lavoro del personale Lenovo. Con la progressiva espansione dell'infrastruttura, dell'organizzazione e delle vendite di prodotti Lenovo, il raggiungimento degli obiettivi a lungo termine diventa ogni giorno più difficile. Lenovo sta quindi valutando la possibilità di coinvolgere partner esterni per continuare a conseguire miglioramenti significativi in questo ambito.

 

Lo stato di avanzamento rispetto agli obiettivi energetici viene monitorato su base trimestrale e comunicato al consiglio dirigente ogni sei mesi. 

 

L'ambizioso traguardo di ridurre le emissioni Scope 2 del 13% rispetto all'anno fiscale 2009/10 e di eliminare o compensare totalmente le emissioni Scope 1 è stato raggiunto entro il 31 marzo 2013. Lenovo sta ora valutando nuove opportunità per ridurre ulteriormente i consumi energetici e le emissioni di gas serra e, in particolare, sta considerando le opzioni seguenti: (1) Eseguire valutazioni complete dei consumi energetici per identificare eventuali opportunità di intervento negli stabilimenti di ricerca e sviluppo e mettere a punto piani di azione per conseguire risparmi effettivi. (2) Stanziare risorse economiche da destinare a un “fondo per l'ambiente” con il quale finanziare progetti di riduzione del consumo energetico e del gas serra. (3) Definire un programma interno di imposizione di una tassa sul carbonio che renderebbe ciascuna unità aziendale responsabile del livello di emissioni e degli obiettivi di riduzione. Lenovo sta valutando con attenzione queste e altre iniziative nell'ambito del piano che dovrebbe portare nei prossimi 10 anni al raggiungimento dei prossimi obiettivi, ovvero la riduzione delle emissioni Scope 2 del 16% entro il 2015/16 e del 20% entro il 2019/20. Gli obiettivi di riduzione sono stati definiti nell'anno fiscale 2009/10.

 

Fare clic qui per ulteriori informazioni sugli obiettivi e gli intenti Lenovo per il cambiamento climatico.

 


Calcolo delle emissioni di gas serra

Lenovo ha iniziato a documentare le emissioni di gas serra all'interno del Corporate Environmental Report del 2006. Da allora ha sempre continuato a calcolare e pubblicare annualmente il livello di emissioni, nel tentativo di conseguire un miglioramento significativo. Nella tabella seguente sono riportati i dati sulle emissioni registrate negli ultimi quattro anni.[1] Sono incluse le emissioni Scope 1, 2 e 3 relative alle attività globali Lenovo. 

 

Nota 1: nell'ambito del percorso di miglioramento, dal 1º aprile 2009 Lenovo ha disposto la raccolta e la diffusione dei dati relativi al consumo energetico e ai cambiamenti climatici in concomitanza con l'anno fiscale (dal 1º aprile al 31 marzo). Lenovo ha introdotto questa variazione a partire dall'anno fiscale 2009/10, sulla base di una raccomandazione ricevuta da un organismo di verifica esterno.



Emissioni di gas serra Lenovo
(totali in TM di CO2-e)
AF 2009/10 AF 2010/11 AF 2011/12 AF 2012/13
Scope 1
3.533*
3.465*
3.109*
3.595
Scope 2
84.678*
77.865*
95.299*
100.641
Totale Scope 1 e 2
88.211
81.330
98.408
104.236
Scope 3
  Viaggi di lavoro
15.675
24.316
31.588
24.793
  Trasporto di prodotti**
-
-
387.250
267.530
  Emissioni da rifiuti***
-
-
524
870
  Spostamenti dei dipendenti
-
-
22.219
23.196
  Beni e servizi acquistati****
-
-
-
1.270.866
  Attività correlate a energia e carburante*****
-
-
-
7.134

* Alla fine dell'anno fiscale 2012/13 Lenovo ha aggiornato lo storico delle emissioni di CO2e con i dati risultanti dall'acquisizione di Medion in Germania e dalla creazione di una joint venture con NEC in Giappone. 
** Le emissioni correlate al trasporto dei prodotti includono gli spostamenti dei principali fornitori a valle, che costituiscono la parte più rilevante della spesa logistica globale.
*** Le emissioni da rifiuti includono rifiuti pericolosi e non e acque reflue provenienti da tutti gli stabilimenti di produzione e centri di ricerca e sviluppo, oltre ad alcune sedi di dimensioni maggiori. Non sono inclusi residui di materiali. 
**** Tra i "beni e servizi acquistati" sono inclusi gli acquisti dai fornitori, che corrispondono al 95% della spesa diretta complessiva correlata ai fornitori. Per la raccolta dei dati relativi ai fornitori viene utilizzato lo strumento EICC Carbon and Water Reporting Tool. I dati vengono calcolati in base al fatturato. 
***** Le attività correlate a energia e carburante (non incluse nelle categorie Scope 1 o 2) comprendono le perdite in fase di trasmissione e distribuzione di elettricità e gas naturale acquistati da Lenovo a livello mondiale. Per determinare l'entità delle perdite in fase di trasmissione e distribuzione viene utilizzato un database della World Bank e il documento Energy Star Performance Rating.

 

Nel complesso, le emissioni Scope 1, 2 e 3 prodotte da Lenovo sono aumentate nell'anno fiscale 2012/13. Questo aumento è dovuto alla crescita organica dell'azienda, all'acquisizione della società elettronica tedesca Medion e alla joint venture con NEC in Giappone. L'intensità delle emissioni Lenovo, tuttavia, risulta migliorata se considerata rispetto al fatturato complessivo, al numero di dipendenti e all'unità di produzione.

 

L'aumento delle emissioni Scope 3, invece, è riconducibile all'incremento del numero di categorie incluse in questa macro-categoria e all'aumento della produzione e dei dipendenti Lenovo. Oltre ai viaggi di lavoro, alle emissioni associate al trasporto dei prodotti, ai rifiuti generati e agli spostamenti dei dipendenti, sono ora incluse in questa macro-categoria anche le emissioni derivanti dai beni e servizi acquistati e le attività correlate a energia e carburante escluse delle emissioni Scope 1 o 2. 

 

Per maggiori dettagli sulle procedure di rilevamento delle emissioni di gas serra Lenovo, consultare i Report sulla sostenibilità Lenovo.

 

Per garantire la credibilità del processo, Lenovo continua a predisporre verifiche dei dati da organi esterni. I dati sui gas serra relativi agli anni fiscali 2009/10, 2010/11, 2011/12 e 2012/13 sono stati valutati rispetto alle normative ISO 14064-3:2006: Gas ad effetto serra – Parte 3: Specifiche e guida per la validazione e la verifica delle asserzioni relative ai gas serra, e ISO 14065:2007. I dati relativi agli anni fiscali 2011/12 e 2012/13 sono stati verificati con un ragionevole livello di certezza. È possibile accedere ai risultati della verifica più recente facendo clic qui: AF 2012/13.

 


Operazioni Lenovo

Lenovo è costantemente impegnata a migliorare l'efficienza energetica delle operazioni eseguite al proprio interno. Nel corso dell'anno fiscale 2012/13, Lenovo ha implementato 11 nuovi progetti di efficienza energetica, che si sono aggiunti agli oltre 50 progetti implementati nei tre anni precedenti. Questi nuovi progetti hanno determinato un risparmio di circa 116.000 $ e una riduzione del consumo energetico di 2.000 MWh all'anno. Lenovo sta ora collaborando con partner esterni per identificare nuove opportunità di riduzione del consumo energetico e delle emissioni di gas serra. 

 

Di seguito sono riportati alcuni esempi delle azioni intraprese da Lenovo per ridurre il consumo energetico:

  • •  Installazione di sistemi di illuminazione a basso consumo energetico e dei relativi impianti elettrici
  • •  Aumento dell'efficienza energetica degli impianti di climatizzazione e di trattamento dell'aria
  • •  Eliminazione o riduzione dell'utilizzo di trasformatori e compressori d'aria
  • •  Ottimizzazione dall'area produttività con l'integrazione delle linee di assemblaggio
  • •  Riduzione dei tempi di testing online dei PC
  • •  Revisione del sistema automatico di gestione degli edifici in modo da posticipare l'accensione dei sistemi di illuminazione e climatizzazione al mattino e anticiparne lo spegnimento la sera
  • •  Miglioramento dell'efficienza energetica dei datacenter
  • •  Consolidamento delle operazioni
  • •  Affissione di cartelli per ricordare al personale di spegnere luci, portatili, ecc.
  • •  Riduzione del numero di veicoli utilizzati dall'azienda
  • •  Acquisizione della certificazione ENERGY STAR® per gli edifici di Morrisville, Nord Carolina (USA)
  • •  Acquisizione della certificazione LEED Commercial Interiors Gold per il nuovo ufficio di Milano, in Italia
  • •  Adozione di un programma per l'orario estivo.

 

Lenovo è stata inoltre selezionata per sperimentare un sistema di scambio di quote di emissioni messo a punto in Cina. Nel 2013 l'autorità municipale di Pechino ha stabilito che Lenovo, in quanto azienda con un significativo consumo energetico, dovesse soddisfare determinati criteri di scambio di quote di emissioni e conseguire una riduzione annuale delle emissioni degli stabilimenti di Pechino del 2%. Lenovo sta inoltre monitorando da vicino altre province in cui è stato attuato questo programma pilota, poiché in futuro potrebbero essere coinvolti anche gli stabilimenti di Shanghai, Shenzhen, Huiyang e Wuhan. I progetti di efficienza energetica sopra descritti forniranno un contributo essenziale per soddisfare i requisiti di riduzione delle emissioni. Lenovo sta anche mettendo a punto un unico sistema energetico per gli stabilimenti di Pechino, in modo da ridurre al minimo le quote di emissioni di carbonio da acquistare.

 

Lenovo continua inoltre a diminuire la quantità di materiale di imballaggio utilizzato nelle confezioni, privilegiando sempre di più, anno dopo anno, l'uso di materiali eco-sostenibili, a ridurre le distanze di trasporto percorse e a incoraggiare il riutilizzo dei materiali di imballaggio e spedizione, con una conseguente riduzione delle emissioni di CO2. Grazie a un programma di riciclo di prodotti elettronici a fine vita, inoltre, è stato calcolato che Lenovo abbia risparmiato nell'anno fiscale 2012/13 oltre 27.050 TM di CO2e.[2]

 

Nota 2: per il calcolo è stato utilizzato il fattore di emissione di 2,35 TM CO2e per tonnellata definito dal Waste Reduction Model (WARM) dell'agenzia di protezione ambientale statunitense (febbraio 2012) - http://www.epa.gov/climatechange/waste/calculators/Warm_home.html.

 

Nel tentativo di ridurre al minimo l'impatto prodotto sui cambiamenti climatici e diminuire le emissioni di CO2, Lenovo utilizza stabilimenti di produzione locali in America, in Europa e in Asia e si avvale, ove possibile, dei metodi di spedizione a più basso tenore di CO2 su strada, ferrovia o nave. Sta inoltre lavorando per sensibilizzare anche i partner di spedizione a una maggiore responsabilità ambientale nei metodi di trasporto utilizzati. L'utilizzo di prodotti più piccoli e leggeri, di materiali di imballaggio compatti e riutilizzabili, di opzioni di spedizione cumulative e di stabilimenti di distribuzione regionali consente infine di effettuare spedizioni consolidate e ridurre il peso dei carichi. Nel 2009, ad esempio, Lenovo ha aumentato del 7% la quantità di sistemi portatili trasportati via mare, anziché via aerea, riducendo considerevolmente l'impatto ambientale. Nel 2012, inoltre, ha implementato il progetto Pallet Pooling finalizzato a riciclare i pallet in legno e ridurre quindi i consumi.

 

Nel corso dell'anno fiscale 2012/13 Lenovo ha iniziato a raccogliere e calcolare i dati sulle emissioni derivanti dal trasporto dei prodotti tramite lo strumento di rilevamento dei dati di CO2 utilizzato dalla DHL. Le emissioni derivanti dal trasporto internazionale via aerea e mare sono state calcolate in base ai dati sulle spedizioni ricevuti dai quattro principali corrieri utilizzati da Lenovo, che rappresentano la parte più rilevante della spesa logistica globale. Per migliorare i risultati in questo ambito Lenovo intende inoltre: (1) espandere la raccolta dei dati sulle emissioni ad altri fornitori chiave, (2) includere il trasporto nazionale nel processo di rilevamento e (3) valutare più attentamente le emissioni relative al trasporto e alla distribuzione a monte.

 

Logo GFANell'anno fiscale 2012/13 Lenovo è diventata membro fondatore della rete Green Freight Asia, un'associazione no-profit istituita con l'obiettivo di promuovere e migliorare il trasporto delle merci e diminuire l'inquinamento dell'aria in Asia. La Green Freight Asia è stata ufficialmente istituita nel mese di ottobre 2013. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.greenfreightasia.org.

 


Premi e riconoscimenti

L'agenzia di protezione ambientale statunitense (EPA) ha premiato Lenovo per aver acquistato energia da fonti rinnovabili. Nel mese di luglio 2013 Lenovo è apparsa per la prima volta nella classifica Top 30 Tech & Telecom dell'EPA, in cui sono inclusi i principali acquirenti di energia da fonti rinnovabili. Lenovo acquista annualmente oltre 35 milioni di kWh di energia pulita mediante l'acquisto di certificati di energia rinnovabile da Sterling Planet e NextEra Energy. In base alle stime dell'agenzia statunitense EPA, l'acquisto da parte di Lenovo di oltre 35 milioni di kWh di energia pulita consente di evitare emissioni di CO2 annuali pari al consumo prodotto nello stesso periodo da oltre 5.000 veicoli passeggeri o 4.000 nuclei familiari americani. Per ulteriori informazioni, fare clic qui: www.epa.gov/greenpower/toplists.

 

Lenovo ha ottenuto il riconoscimento 2013 ET Carbon Ranking Leader Award da parte della Environmental Investment Organisation. Lenovo occupa la terza posizione nella classifica "300 Carbon Ranking" stilata nel 2013 dai Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) per favorire la documentazione e la pubblicazione delle emissioni di gas serra. Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.eio.org.uk.

 

Nel rapporto “The Business Case for Carbon Measurement and Disclosure in China” (maggio 2013) Lenovo viene inclusa tra le aziende cinesi maggiormente consapevoli dell'importanza della lotta ai cambiamenti climatici. L'impegno di Lenovo costituisce un esempio per le altre società cinesi, che in questo modo si sentono coinvolte nel ruolo di promotrici di un futuro a basso tenore di CO2 in Cina. Per leggere il report completo, fare clic qui: The Business Case for Carbon Measurement and Disclosure in China.

 


Energie rinnovabili

Lenovo si è impegnata a installare fonti di energia rinnovabile locali ovunque fosse tecnicamente ed economicamente possibile. In alcuni stabilimenti di produzione in Cina, ad esempio, sono stati implementati impianti solari per la produzione di acqua calda (circa 69.000 kWh di energia generata), mentre nel parcheggio della sede di Pechino sono stati installati lampioni solari (circa 2.000 kWh di energia utilizzati ogni anno).

 

Nell'anno fiscale 2011/12 Lenovo si è impegnata a installare un impianto di pannelli solari nello stabilimento di produzione di Shanghai, in base a quanto previsto dal programma “Golden Sun” del governo cinese. Il progetto è stato completato il 25 giugno 2012 ed è diventato operativo nel luglio dello stesso anno. L'impianto è in grado di generare 520 MWh di energia all'anno, che rappresentano circa il 10-15% del consumo energetico annuale dello stabilimento e hanno consentito una riduzione delle emissioni di gas serra di oltre 400 TM di CO2e annue. Questa iniziativa dimostra la volontà di Lenovo di aumentare la percentuale di energia rinnovabile impiegata negli stabilimenti Lenovo. Nel periodo compreso tra luglio 2012 e marzo 2013 i pannelli solari hanno generato 209.835 kWh di energia solare, che è stata utilizzata all'interno dello stabilimento e ha quindi evitato l'emissione di circa 173 TM di CO2e. [3]   

 

Nota 3: in base al report 2012 Baseline Emission Factors for Regional Power Grids in China.

 

Impianto dello stabilimento Lenovo di Shanghai

Pannelli solari

 

 

 

Logo EarthEraPer far fronte all'impegno di ridurre le emissione prodotte, Lenovo ha inoltre deciso di ricorrere all'acquisto di energia rinnovabile laddove non sia tecnicamente o economicamente possibile una riduzione diretta del consumo energetico. Lenovo ha quindi siglato un accordo con NextEra Energy Resources per compensare le emissioni di anidride carbonica con percentuali di utilizzo di elettricità e vapore mediante l'acquisto di certificati REC (o certificati verdi) convalidati da Green-e nell'ambito del nuovo programma EarthEra. In particolare, Lenovo si è impegnata ad acquistare oltre 10 milioni di kilowattore di elettricità all'anno per 3 anni, impedendo così l'emissione di oltre 19.000 tonnellate metriche di anidride carbonica, che equivalgono a più del 15% delle emissioni di CO2, dirette e indirette, prodotte da Lenovo nell'anno fiscale 2011/12. Il ricavato derivante dall'acquisto dei certificati REC verrà interamente devoluto alla fondazione EarthEra Renewable Energy Trust e utilizzato da NextEra Energy Resources per creare nuovi impianti di energia rinnovabile negli Stati Uniti.

 

Fare clic qui per visualizzare l'attestato dei certificati REC ritirati: 2011, 2012 e 2013.

 

Per ulteriori informazioni sui programmi di compensazione dell'anidride carbonica con energia rinnovabile messi a punto da EarthEra, visitare il sito www.earthera.com.

 

Logo Climate Action Lenovo ha aderito alla rete Climate Action e ha acquistato oltre 5.450 quote di compensazione di anidride carbonica da un progetto di incentivazione di energia da fonti rinnovabili (denominato Biomass Waste to Energy), allo scopo di bilanciare le emissioni derivanti dall'energia acquistata per il nuovo stabilimento di produzione cinese di Chengdu nell'anno fiscale 2012/13.

 

Fare clic sul link seguente per maggiori informazioni sul progetto e sui relativi vantaggi ambientali ed economico-sociali: Biomass Waste to Energy. Fare clic qui per visualizzare l'attestato delle quote di compensazione di CO2 ritirate: 2013

 

Per ulteriori informazioni sulla rete Climate Action e sulle iniziative mirate a diffondere energia pulita in Cina, visitare il sito http://www.climateaction2n.com/.

 

Logo Sterling PlanetLenovo ha siglato un accordo con Sterling Planet per l'acquisto di 4.000 quote di compensazione di CO2 che consentono la riduzione di 4.000 TM di CO2e e per l'acquisto di 24.803 MWh di certificati REC (o certificati verdi) convalidati da Green-e Energy, per un valore di compensazione di circa 17.500 TM di CO2e. Le quote di compensazione di CO2 e i certificati REC favoriscono progetti di energia rinnovabile, tra cui impianti di energia eolica, piccoli impianti idroelettrici, centrali a biomasse e progetti di abbattimento del metano.

 

Fare clic qui per visualizzare l'attestato dei certificati REC ritirati: 2013. Fare clic qui per visualizzare il certificato delle quote di compensazione di CO2 ritirate: 2013.

 

Per ulteriori informazioni su Sterling Planet e sulle soluzioni offerte per l'attenuazione delle emissioni di CO2, visitare il sito www.sterlingplanet.com



Prodotti ad alta efficienza energetica

La storica attenzione di Lenovo verso l'efficienza energetica dei prodotti e delle attività aziendali costituisce una forte caratteristica distintiva in un mercato in cui viene attribuita sempre più importanza a questi valori. Vantando un processo di sviluppo orientato all'efficienza energetica, una straordinaria offerta di prodotti IT a basso consumo e processi interni volti a migliorare progressivamente l'efficienza operativa, Lenovo si trova già in una posizione di vantaggio per far fronte alla crescente domanda di prodotti ad alta efficienza energetica con impronta di carbonio ridotta.

 

L'efficienza energetica è uno degli attributi a cui è finalizzato il processo di sviluppo Lenovo e la ricerca di continui miglioramenti all'efficienza dei prodotti è uno dei principali obiettivi ambientali dell'azienda.

 

I PC Lenovo vengono forniti con un'ampia gamma di strumenti di risparmio energetico e funzionalità eco-compatibili:

  • •  Nei prodotti con Windows 8, l'app "Lenovo Settings" offre all'utente funzioni di gestione dell'alimentazione.
  • •  Nei prodotti con altri sistemi operativi, Power Manager™ migliora l'efficienza energetica dei computer e consente così di ridurre fino al 69% il consumo energetico annuale di ogni singolo desktop.
  • •  Active Thermal Management regola la velocità del processore e della ventola in base al livello di rumore ambientale.
  • •  Active Directory e LANDesk® consentono di attivare in remoto schemi di alimentazione e impostazioni globali, offrendo ai responsabili IT la possibilità di applicare a livello aziendale le strategie di risparmio energetico integrate nei ThinkPad®.
  • •  L'applicazione software Cisco EnergyWise consente alle reti Cisco di eseguire operazioni di gestione energetica e offre ai clienti l'opportunità di monitorare e registrare il consumo energetico degli impianti e dei dispositivi IT utilizzando una rete con supporto per Cisco EnergyWise.
  • •  Rack Planner consente agli utenti di pianificare meglio l'efficienza energetica dei rack aumentandone la densità e calcolando il consumo energetico in base a specifiche configurazioni.
  • •  Smart Grid consente agli utenti di monitorare e gestire il consumo energetico e la temperatura dei ThinkServer con Intel Node Manager. Permette quindi di risparmiare energia, aumentare la densità del rack ed evitare hotspot di datacenter.>
  • •  PSU Smart-on: se il sistema rileva un carico energetico basso in una configurazione di alimentatori ridondanti, il carico viene trasferito su un unico alimentatore per migliorare l'efficienza e risparmiare energia.

 

Lenovo offre una gamma completa di portatili, desktop, workstation, monitor e server con certificazione ENERGY STAR®.

 

Fare clic qui per ulteriori informazioni sui prodotti Lenovo ad alta efficienza energetica.



Calcolo dell'efficienza energetica

Lenovo riconosce che l'utilizzo di un metodo universalmente accettato per l'esatta determinazione dell'impronta di carbonio di un prodotto favorisce l'adozione di iniziative volte a ridurre il consumo energetico dei prodotti e consente di differenziare quelli a più alta efficienza energetica. Per questo motivo Lenovo collabora con partner esterni allo sviluppo di protocolli e strumenti per la misurazione dell'impronta di carbonio dei prodotti.

 

Lenovo collabora inoltre con altri membri del settore ICT (Information and Communication Technology), del mondo accademico e del programma ENERGY STAR®® allo sviluppo di uno strumento per rendere più semplice e rapido il calcolo dell'impronta di carbonio dei prodotti ICT attraverso il progetto Product Attribute Impact Algorithm (PAIA). Con queste iniziative Lenovo si augura di spronare l'intero settore IT ad adottare un metodo standard per la determinazione dell'impronta di carbonio. Nell'ambito del progetto PAIA, i team di sviluppo dei prodotti Lenovo sono attualmente impegnati nella valutazione dello strumento per il calcolo dell'impronta digitale di portatili, desktop e monitor e nello sviluppo di un prodotto simile per All-In-One e tablet.

 

A livello interno, Lenovo continua a lavorare per quantificare l'impatto ambientale del ciclo di vita dei propri prodotti. Calcolando l'impronta digitale dei prodotti, ad esempio, Lenovo potrà identificare le aree del ciclo di vita in cui è più facile ridurre le emissioni di gas serra. A questo scopo, è stato redatto un documento di riferimento per il calcolo dell'impronta di carbonio che permetterà di quantificare le emissioni di gas serra nelle varie fasi del ciclo di vita dei prodotti Lenovo. Il documento è stato redatto in conformità alle norme ISO 14040 & 44 (Gestione ambientale - Valutazione del ciclo di vita), alle specifiche PAS (Publicly Available Specification) 2050 e allo standard PARS (Product Accounting & Reporting Standard) definito nel Greenhouse Gas Protocol. Ogni unità aziendale è tenuta a seguire queste indicazioni nella valutazione delle emissioni prodotte durante il ciclo di vita dei rispettivi prodotti.

 

Lenovo è attualmente coinvolta nei progetti di riduzione delle emissioni di CO2 elencati di seguito:

  • •  Product Carbon Footprint China Standard
  • •  China ICT Product Life-Cycle Assessment Data Service Platform
  • •  IEC Technical Report GHG Quantification Methodology for Computers
  • •  China ICT Supporting Low Carbon Economy
  • •  EICC Product Carbon Footprint Data Allocation Algorithm Development.

 

Grazie a una presenza molto radicata in Cina, Lenovo sta inoltre esercitando una forte influenza nella definizione degli standard PC+ China Energy Efficiency Standard e China Green PC Standard ed è molto attiva nei gruppi, nelle associazioni e nelle iniziative a favore dell'efficienza energetica elencati di seguito: China Environmental Labeling Program, Energy Saving Work Association of Chinese Institute of Electronics e China Energy Conservation Program.

 

Per ulteriori informazioni sulla strategia Lenovo per la riduzione delle emissioni di CO2 e sull'impronta di carbonio media di portatili, desktop e monitor Lenovo, consultare il documento Lenovo’s Product Carbon Footprint Strategy.

 


Supply chain

Logo EICCLenovo partecipa allo sviluppo e all'adozione di uno strumento sviluppato dalla Electronics Industry Citizenship Coalition per la rendicontazione delle emissioni di carbonio e della quantità di acqua utilizzata dai fornitori Tier 1 (la piattaforma online a partire dal 2013 include anche informazioni sui rifiuti). In base alle emissioni Scope 1 e di gas serra rilevate per il 2012, è stato stimato che i 43 principali fornitori di Lenovo rappresentano il 95% della spesa diretta, con emissioni pari a circa 1.117.000 TM di CO2e. Rispetto all'anno precedente, le emissioni dei fornitori Lenovo sono diminuite del 12%.

 

Lenovo intende approfondire con questi fornitori le opportunità di riduzione delle emissioni di carbonio. Nell'ambito della strategia relativa ai cambiamenti climatici, inoltre, Lenovo selezionerà i propri fornitori solo dopo averne valutato la strategia e le prestazioni nella lotta ai cambiamenti climatici. Verranno quindi privilegiati i fornitori in grado di documentare le emissioni di gas serra prodotte. Lenovo analizza inoltre i propri fornitori in merito alla loro capacità di rispettare gli obiettivi di riduzione dei gas serra e predispone verifiche esterne sulle emissioni Scope 1, 2 e gas serra. Da questi controlli emerge che il numero di fornitori in grado di rispettare questi due criteri è in continuo aumento. In questo modo Lenovo potrà identificare i punti della catena in cui un alto livello di emissioni di gas serra può determinare rischi significativi e mettere in atto piani di riduzione specifici.

 

Fare clic qui per ulteriori informazioni sugli strumenti di rendicontazione disponibili e sulle emissioni di CO2 prodotte dai fornitori Lenovo.

 

Lenovo incontra annualmente i propri fornitori principali per condividere con loro requisiti e strategie. Nell'ottobre 2013 Lenovo ha organizzato la conferenza “Lenovo Environmental Affairs and Specifications Communication” a cui hanno preso parte 1.200 fornitori provenienti da Pechino, Shanghai e Shenzhen (Cina). Obiettivo della conferenza era analizzare le norme, i regolamenti e gli standard di protezione ambientale e offrire ai fornitori Lenovo linee guida per migliorare la qualità dei prodotti e privilegiare lo sviluppo di prodotti verdi in grado di soddisfare i requisiti di conformità, le specifiche Lenovo e la domanda dei clienti. I fornitori sono stati inoltre istruiti sui requisiti di divulgazione di materiale, di informazioni sui minerali dei conflitti e delle strategie di prevenzione dell'inquinamento dell'acqua. È stato infine spiegato come l'impegno Lenovo per la sostenibilità includa anche la riduzione delle emissioni di gas serra nella supply chain e di come anch'essi svolgano un ruolo essenziale in questo ambito. Il messaggio di fondo lanciato da Lenovo era la volontà di collaborare con tutti i fornitori per aiutarli a tenere traccia e comunicare a Lenovo e a organismi esterni i dati sulle emissioni tramite gli strumenti EICC o CDP, impostare obiettivi di riduzione progressiva dei gas serra e collaborare a future iniziative di riduzione delle emissioni.

 

Lenovo ha preso parte al progetto Catalyzing Corporate Supply Chain Carbon Footprint Reporting in China’s Export Industries e partecipa con la World Bank al progetto Spontaneous Promoting Green Travel, finalizzato a promuovere forme di spostamento meno inquinanti per i lavoratori pendolari. Una descrizione dettagliata della piattaforma di "car pooling" Lenovo è disponibile sul sito Web della World Bank all'indirizzo: http://www.worldbank.org/en/news/feature/2013/04/05/Online-Carpooling-Platform-Makes-Commuting-Greener.


Iniziative esterne

“Lenovo collabora con l'organizzazione Carbon Disclosure Project (CDP), un'organizzazione no-profit in grado di sviluppare l'unico sistema globale a disposizione di aziende e municipalità per misurare, divulgare, gestire e condividere informazioni ambientali essenziali, nonché rendicontare pubblicamente informazioni sulle situazioni ambientali degli anni precedenti. In qualità di multinazionale leader del settore, Lenovo sposa sia la tradizionale filosofia commerciale cinese sia l'attuale etica imprenditoriale universale ed è consapevole di come la trasparenza possa creare valore e migliorare l'efficienza operativa. Lenovo costituisce inoltre un esempio eccellente per le altre società, soprattutto quelle presenti nel territorio cinese.”
~ Rusong Li, CDP China Programme Director

Lenovo divulga i dati sulle emissioni di gas serra e sulle strategie di lotta ai cambiamenti climatici attraverso il sistema di rendicontazione pubblico CDP. CDP è un'organizzazione no-profit indipendente che detiene il più grande database di informazioni sulle politiche di lotta al cambiamento climatico delle più importanti aziende mondiali. Migliaia di organizzazioni da tutte le maggiori economie del mondo misurano e rendono pubbliche attraverso il CDP le loro emissioni di gas serra e le strategie per il cambiamento climatico. Lenovo partecipa dal 2009 a due programmi CDP: "Investor CDP" e "CDP supply chain". Ha inoltre partecipato allo sviluppo del modulo per il settore ICT aggiunto al questionario Investor CDP per l'anno 2012 e ha collaborato allo sviluppo della seconda versione del modulo ICT del questionario CDP relativo all'anno 2013.

 

Il report annuale Lenovo sulle emissioni di gas serra è disponibile pubblicamente all'indirizzo http://www.cdproject.net.

 

Al termine della compilazione del questionario CDP 2013 sui cambiamenti climatici, Lenovo ha ottenuto il punteggio di 94, rientrando a pieno titolo nella categoria A sia per i requisiti di divulgazione sia per le prestazioni ambientali nella regione asiatica (Giappone escluso). Sulla base di questi risultati, Lenovo ha ottenuto il premio “Best Overall Responding Companies.”


CDP CDP


Fare clic sull'immagine di Jianhua Du, Vice Presidente di Lenovo Group, per ascoltare il suo discorso in cui esprime l'apprezzamento di Lenovo per il lavoro svolto dall'organizzazione CDP per portare sotto la luce dei riflettori le sfide associate ai cambiamenti climatici (il discorso è in cinese, sottotitolato in inglese).


CDP


Fare clic qui  per visualizzare le risposte a domande su Lenovo, CDP e cambiamenti climatici.

 

Lenovo accetta le conclusioni contenute nel quarto rapporto di valutazione (AR4) dell'IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change): “Climate Change 2007”. Lenovo concorda infatti sulla necessità di azioni specifiche per stabilizzare i livelli di gas serra nell'atmosfera e tenere sotto controllo l'incremento della temperatura media globale. Le azioni promosse da Lenovo comprendono la definizione di un limite massimo delle emissioni globali entro il 2015, la riduzione del 30% delle emissioni prodotte nei Paesi sviluppati entro il 2020 (rispetto ai livelli del 1990) e la riduzione del 50% delle emissioni globali entro il 2050 (rispetto ai livelli del 1990).

 

 

 

Politica sui cambiamenti climatici
White Paper sulle iniziative Lenovo per la lotta ai cambiamenti climatici
Strategia Lenovo per la riduzione di emissioni di CO2
Obiettivi e intenti per il cambiamento climatico
Dichiarazione Lenovo sulla verifica dei gas serra per l'anno fiscale 2012/13
Certificato delle quote di compensazione di CO2 ritirate da Lenovo - 2011
Certificato delle quote di compensazione di CO2 ritirate da Lenovo - 2012
Certificato delle quote di compensazione di CO2 ritirate da Lenovo - 2013
Certificati REC ritirati da Lenovo - 2011
Certificati REC ritirati da Lenovo - 2012
Certificati REC ritirati da Lenovo - 2013
Rispetto per l'ambiente
Salvaguardia dell'ambiente - Acqua e rifiuti
Prodotti per la salvaguardia dell'ambiente - Energia
Prodotti per la salvaguardia dell'ambiente - Materiali
Prodotti per la salvaguardia dell'ambiente - Imballaggi
Prodotti per la salvaguardia dell'ambiente - Riciclaggio
Novità - Iniziative verdi Lenovo
Investimenti sociali
Report sulla sostenibilità
Risorse sulla responsabilità sociale

 

 

 

Stampa questa paginaStampa questa pagina
 
Link correlati   |  Responsabilità sociale  |  Rispetto per l'ambiente  |  Supply chain globale  |  Investimenti sociali  |  Risorse